Donne in quota

amiche diq

Dal 7 al 12 novembre avremo a Milano l’Anfora, testimone e simbolo della Staffetta di Donne contro la violenza sulle Donne, iniziativa nazionale promossa da Udi, Unione Donne in Italia che ha avuto inizio il 25 novembre dello scorso anno a Niscemi, e si conclude il 25 novembre di quest’anno a Brescia. All’interno di questa iniziativa le Associazioni DonneInQuota e Amiche di ABCD, continuando un percorso di contrasto ai contenuti lesivi della dignità della donna sui media, propongono una tavola rotonda:

Televisione, pubblicità, giornali. Contrastare gli stereotipi

per prevenire la violenza

 

11 NOVEMBRE 2009 - ORE 20,30

 

Negozio Civico CHIAMAMILANO

Largo Corsia dei Servi - Milano

Saluti di Anna Maria Spina, UDI - Unione Donne In Italia

 

PATRIZIA INES QUARTIERI Presidente Commissione Pari Opportunità Comune di Milano

dialoga con:

 

MONIA AZZALINI Osservatorio di Pavia

GIANNI BIONDILLO scrittore

ANTONELLA EBERLIN portavoce delle Associazioni DonneInQuota e AmichediABCD

MAURO FERRARESI docente di Linguaggio della Pubblicità - IULM Milano

ICO GASPARRI Presidente Associazione Protocollo Contro La Pubblicità Sessista

 

invito.pdf

.tim2

Lettera di denuncia allo IAP in merito alla pubblicità della TIM:

Il nuovo spot Tim vede come location una mostra di arte contemporanea e una bella ragazza scultrice che viene, in maniera alquanto scontata, avvicinata da un uomo attempato. Dopo aver scoperto che è lei l’autrice dell’opera d’arte che stanno entrambi guardando, lui si adopera affinché con le proprie conoscenze possa raccomandarla con l’intento esplicito di vedersi ricompensato. La battuta finale, sul gioco di parole cubismo-cubista, infine, chiude l’adescamento

In questo spot compaiono più stereotipi negativi: la bella ragazza che necessita per forza di aiuto per avere successo nel proprio lavoro, l’uomo influente che ostenta le proprie conoscenze, la battuta di chiusura che denota ignoranza e confonde un concetto culturale forte ed emancipatore relativo all’immagine della donna con la donna-immagine e oggetto di un locale. Pensiamo che l’utilizzo di due personaggi noti, l’una per la propria bellezza l’altro perché attore di cine-panettoni nel quale ricopre peraltro sempre il ruolo del marito fedifrago, non giustifichi una sceneggiatura che sottolinei che nella vita è necessario essere belle e avere una raccomandazione per riuscire nel proprio lavoro. Già nello spot precedente emergevano alcuni classici stereotipi come il genitore in crisi di mezza età e la professoressa carina, ma almeno in quel caso il ruolo forte era dalla parte della donna mentre l’uomo risultava ridicolo e ignorante. La tv ha un ruolo educativo che non va sottovalutato. La pubblicità ancora di più, facendo parte di quel meccanismo che influenza l’atteggiamento dei consumatori non solo nell’atto di acquisto, deve tendere alla diffusione di valori culturali innovativi e al passo con i tempi. Chiediamo dunque che si ritiri e si ripensi la pubblicità sopradetta riequilibrando il ruolo dei generi: si dia dunque alla donna la professionalità che con fatica si costruisce ogni giorno, essendo essa un soggetto multitasking della nostra società, e si conceda all’uomo una visione rispettosa del ruolo della donna. L’associazione DonneInQuota si mette infine a completa disposizione per consigli e suggerimenti su come scardinare anche attraverso la pubblicità gli stereotipi di genere di cui i nostri mezzi di comunicazione sono, purtroppo, invasi. DonneInQuota

L'ASSOCIAZIONE ha aderito all'associazione Protocollo contro la pubblicità sessista Lettera inviata con raccomandata A/R a: Dott. Edoardo Vallarino Gancia, Presidente F.lli Gancia & C. S.p.A. Dott. Lamberto Vallarino Gancia, Presidente F.lli Gancia & C. S.p.A. Dott. Paolo Fontana, Amministratore Delegato F.lli Gancia & C. S.p.A. Dott.ssa Sabrina Elia, Direttrice Marketing F.lli Gancia & C. S.p.A. Dott. Francesco Ferrarsi, Direttore Amministrativo F.lli Gancia & C. S.p.A. Dott. Roberto Bettinelli, Direttore Commerciale F.lli Gancia & C. S.p.A. Dott. Roberto Comina, Direttore delle Risorse Umane F.lli Gancia & C. S.p.A. Tutte singolarmente in Via Tortona, 21 - 20144 Milano e inoltre all'Agenzia di Pubblicità Phoenix Advertising S.R.L. - Corso Re Umberto, 84, 10128 Torino L’Associazione Protocollo Contro la Pubblicità Sessista ­– in rete con altre associazioni italiane ed europee – intende protestare contro la campagna pubblicitaria GANCIA di recente apparsa per le strade cittadine, con lo slogan “SGANCIATEVI”, che riteniamo maschilista, volgare e sessista. Questo manifesto – tanto più sconveniente perché appare rivolto ad un pubblico giovanile – è stato da noi inserito nella “galleria nera” delle pubblicità discriminanti perché riteniamo che sia ispirato alla più bieca superficialità nel trattare i simboli del sessismo. Questa volta, contrariamente allo stucchevole stereotipo del centauro conquistatore, è una ragazza che conduce la moto, ma abbiamo un ragazzo che la spinge volgarmente da dietro.Sul piano della percezione, la moto fatta di bollicine ha una forza visiva decisamente inferiore a quella dei due ragazzi fotografati dal vero e, guardando l’insieme, si ha l'impressione, nonostante la falsa atmosfera giocosa, di una pesantissima e intollerabile molestia sessuale. Rigettiamo le spiegazioni avanzate dall'azienda e dall'agenzia di pubblicità Phoenix di Torino: le pubblicità non sì spiegano, parlano da sole! Chiediamo il ritiro immediato della pubblicità da parte vostra con una lettera pubblica di scuse. Fino a quel momento, i soci hanno deciso di non acquistare più i vostri prodotti. Milano, 15/10/09 www.protocollocontrolapubblicitàsessista.it
Spett.le Bialetti Industrie Spa Via Fogliano, 1 25030 Coccaglio - Brescia Spettabile Agenzia di Pubblicità Casiraghi Greco& via Castelfidardo, 7 20121 Milano Gentile Direttore Creativo Cesare Casiraghi via Castelfidardo, 7 20121 Milano E p.c.gentili Sig,nori Ago Panini Danielle Joujou Simona Marchini Francesco Pistorio Paolo Caimi Antonio Di Peppo Spett.le Istituto dell'Autodisciplina Pubblicitaria Via Larga 15 20122 Milano Alla Ministra per le Pari Opportunità On.Mara Carfagna Dipartimento per le Pari Opportunità Largo Chigi, 19 00187 Roma Al Parlamento Europeo Commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere Alla c.a.dott.ssa Eva-Britt Svensson Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. + 32 2 284 4 95 (Brussels) + 33 3 881 79069 (Strasbourg) Ufficio di Rappresentanza Via 4 Novembre, 149 00149 Roma Alla Consigliera Delegata alle Politiche di Genere della Provincia di Milano Arianna Censi Corso Monforte 35 20122 Milano Alla Presidente della Commissione Pari Opportunità della Regione Lombardia Rossana Caggiano Via Fabio Filzi, 22 20124 Milano E a tutta la commissione Alla Commissione Pari Opportunità della Città di Milano Patrizia Ines Quartieri E a tutta la Commissione Piazza della Scala, 2 20100 Milano All’Unione Donne in Italia Via dell' Arco di Parma 15 00186 Roma (RM) E a tutte le Associazioni Donne Gentili Signore/i in indirizzo, riteniamo che la pubblicità del nuovo prodotto Bialetti Capuccino&Cioccolata, trasmessa dalle reti televisive e visionabile presso l’indirizzo: http://it.youtube.com/watch?v=pQzDe6ZQgFM, leda il genere femminile. In particolare ravvisiamo nel messaggio l’idea che la donna sia un “oggetto” del piacere al pari di una tazza di cioccolata o cappuccino, messaggio sostenuto anche dal claim “Due facce del piacere”. In questo modo disattendendo la norma del Codice di Auto disciplina pubblicitaria espressa nell’ art.10 : – Convinzioni morali, civili, religiose e dignità della persona. La comunicazione commerciale non deve offendere le convinzioni morali, civili e religiose dei cittadini. Essa deve rispettare la dignità della persona umana in tutte le sue forme ed espressioni. Inoltre, il messaggio “…vede coinvolto un giovane e la sua bionda, dolce metà. Il ragazzo si alza dal letto per andare a farsi un cappuccino con la nuova macchina Bialetti. Ma una volta lì, si ferma pensando se forse non sia meglio una bella cioccolata…” ribadisce il concetto di donna oggetto, che al di là dei legami affettivi, possa essere scambiata per i propri piaceri sessuali, ribadendo lo stereotipo che la donna è solo oggetto di piacere, veicolando inoltre il messaggio che sia normale “tradire”. Inoltre, se la “dolce metà” in maniera stereotipata è bionda e acconsenziente, il piacere alternativo viene veicolato da una ragazza di colore, che “piove” dall’alto come un frutto da un albero o comunque sempre e solo come oggetto di piacere. Riteniamo quindi che questo disattenda la norma dell’art.10 offendendo in questo modo il rispetto della dignità della persona umana. Inoltre, il messaggio è portatore di violenza contrario all’ art. Art. 9 – Violenza, volgarità, indecenza. La comunicazione commerciale non deve contenere affermazioni o rappresentazioni di violenza fisica o morale o tali che, secondo il gusto e la sensibilità dei consumatori debbano ritenersi indecenti, volgari o ripugnanti. L’uso che si fa della donna in questa comunicazione commerciale veicola il messaggio che possa essere gettata (piove) su un letto, maltrattata, nascosta violentemente sotto il letto, sempre per seguire il piacere dell’uomo. Inoltre, se lo spot inizia con la ragazza bionda sensuale e acconsenziente, la ragazza che piove dall’alto non pare dello stesso parere, sembra spaventata e non allo stesso modo contenta, veicolando il messaggio che oltre che donna è una donna di colore e quindi possa essere usata volente o meno per i propri piaceri sessuali. L’effetto ritenuto forse “…teatrale e ironico…”, non è talmente ironico da essere un’iperbole e lenire così il messaggio, in un paese dove ci sono più di 6 milioni di donne vittime di violenza. Quindi lo spot tutto, è contrario sempre rispetto al codice di autodisciplina pubblicitario Art. 12 – Salute, sicurezza e ambiente. La comunicazione commerciale relativa a prodotti suscettibili di presentare pericoli, in particolare per la salute, la sicurezza e l'ambiente, specie quando detti pericoli non sono facilmente riconoscibili, deve indicarli con chiarezza. Comunque la comunicazione commerciale non deve contenere descrizioni o rappresentazioni tali da indurre i destinatari a trascurare le normali regole di prudenza o a diminuire il senso di vigilanza e di responsabilità verso i pericoli. Non è certo il prodotto ad essere pericoloso ma il messaggio che è portatore di violenza. Alleghiamo la relazione approvata dalla Commissione Pari Opportunità del Parlamento Europeo, sull’impatto del marketing e della pubblicità sulla parità tra donne e uomini, e di cui riportiamo qui un estratto significativo: “…..F. considerando che la pubblicità è una componente dell'economia di mercato che, a causa della sua pervasività, ha un'innegabile influenza sul comportamento dei cittadini e la formazione delle loro opinioni, G. considerando che la pubblicità presenta sovente la vita reale degli uomini e delle donne in modo caricaturale, H. considerando che la pubblicità che presenta stereotipi di genere limita le donne e gli uomini, le ragazze e i ragazzi e “rinchiude” gli individui in ruoli prestabiliti, artificiali e spesso umilianti, degradanti e instupidenti per entrambi i sessi; considerando inoltre che al contempo la pubblicità, per sua natura, rafforza questi effetti negativi in quanto il messaggio viene ripetuto e riprodotto incessantemente, I. considerando che la discriminazione di genere nei media e tuttora diffusa e che la pubblicità e i media che presentano stereotipi di genere possono essere considerati come parte di tale fenomeno, J. considerando che la pubblicità che presenta stereotipi di genere riproduce un’iniqua distribuzione del potere, K. considerando che la pubblicità che presenta stereotipi di genere non soltanto “rinchiude” le persone in diversi ruoli predefiniti, bensì altrettanto spesso esclude le persone non inquadrabili nel concetto di normalità, L. considerando che e necessario combattere gli stereotipi di genere a tutti i livelli della società per consentire l'uguaglianza e la cooperazione tra le donne e gli uomini tanto nella sfera privata quanto in quella pubblica, M. considerando che gli stereotipi di genere possono contribuire fin dai primi anni di socializzazione del bambino a una discriminazione di genere che consolida il perpetuarsi delle ineguaglianze tra uomo e donna lungo tutto l'arco della vita e l'emergere di comportamenti di segregazione in base al genere, N. considerando che il concetto di stereotipo di genere e controproducente e contribuisce a ripartire il mercato del lavoro in professioni differenziate per genere, professioni in cui le donne generalmente guadagnano meno degli uomini, O. considerando che, per evitare di riprodurre stereotipi di genere, occorre la partecipazione di tutta la società, in quanto si tratta di una responsabilità condivisa tra tutti i soggetti della società, P. considerando che occorre eliminare gli ostacoli che si frappongono alla trasmissione di un'immagine positiva dell'uomo e della donna nelle diverse situazioni sociali, …” E inoltre “…14. evidenzia in particolare la necessità di eliminare i messaggi che ledono la dignità umana e che contengono stereotipi di genere veicolati dai testi scolastici, dai giocattoli, dai videogiochi per PC e console, da Internet e dalle nuove tecnologie di informazione e di comunicazione (TIC) e dalla pubblicità trasmessa dai vari tipi di media;…” Ci meravigliamo che un’azienda Italiana, proprio nei giorni seguenti alla Giornata Internazionale per l’eliminazione della Violenza sulle donne, approvi e mandi in onda una pubblicità così, non ravvisando il messaggio in essa contenuto e che un’Agenzia di pubblicità possa solo pensarla, come se non ci fossero altri requisiti peculiari del prodotto da pubblicizzare e da ritenere plus e che la creatività non possa essere espressa se non attraverso l’uso improprio della sessualità. Come madri non sappiamo cosa spiegare, guardando questa pubblicità insieme ai nostri figli. Non possiamo pensare di tacere, con i figli, e far passare loro il concetto che le donne, fidanzate, madri, sorelle vanno trattate così e alle figlie non possiamo tacere e far loro pensare che siamo d’accordo con questo modo di essere trattate, modi contrari ai diritti umani, alla costituzione italiana, al senso civico a cui dobbiamo educarli. Come mogli o amanti ci sentiamo offese, per il chiaro messaggio di istigazione al tradimento e al menage a trois. Chiediamo All’Agenzia di pubblicità e alla Bialetti Industrie Spa che la pubblicità venga ritirata, da tutti i media utilizzati e agli Enti e Istituzioni in indirizzo di adoperarsi perché ciò avvenga immediatamente, dichiarando come intendono muoversi. Donatella Martini Presidente Milano, 1 dicembre 2008 ******************************************************** Vi ringraziamo per la pronta risposta alla nostra richiesta. Siamo liete che la pubblicità in oggetto non venga più trasmessa in quanto, ribadiamo ancora una volta, lesiva dell'immagine della donna. Siamo altresì convinte che gli stereotipi, su cui la pubblicità forzatamente si basa, siano così radicati nella mente umana da renderne difficile il riconoscimento. Molto spesso cioè, sono così intrecciati al nostro modo di pensare che non siamo più in grado di vederli come tali. Quest'anno abbiamo intenzione di promuovere occasioni di incontro e dibattito per chiarire e sostenere quanto espresso nella "Motion for an european parliament resolution on how marketing and advertising affect equality between women and men (2008/2038(INI)", a cui speriamo vorrete partecipare. Cordiali saluti. Donatella Martini Presidente Associazione DonneInQuota

Sottocategorie

subscribe-button

 

 

 

Logo CG